Comunicazione online,  Recensioni siti web

Ferrari VS Berlucchi. Scontro spumeggiante.

ATTENZIONE! Questo è un articolo vintage, con più di 10 anni

Nessun gossip aziendale in arrivo, ma solo un sano confronto tra i due siti web dei più famosi produttori italiani di bollicine.

Da una parte Ferrari F.lli Lunelli, fondata a Trento nel 1905, dall’altra il Gruppo Berlucchi nato da un’idea di Guido Berlucchi negli anni ’50 a Borgonato, in provincia di Brescia.

Entrambi non sono solo produttori di vino, ma hanno diversificato le attività, Ferrari con l’Acqua Surgiva, la Grappa Segnana ed altre due tenute vinicole: Tenuta Podernovo in Toscana e Tenuta Castelbuono in Umbria.

Berlucchi con il Relais Franciacorta, la casa vinicola franciacortina Antica Fratta, con l’Hotel La Bollina e la Tenuta bolgherese di Caccia al Piano.

Ma veniamo ai siti.
Entrambi si presentano con un’aspetto grafico curato (con Berlucchi che si fa preferire).
Ferrari punta ancora su una start page evocativa, ma sinceramente superflua, in cui gli unici contenuti sono la scelta della lingua.
Berlucchi evita la start page, ma non rinuncia ad un’animazione in flash che occupa mezza pagina e che permette di accedere alla versione in inglese solo dopo che questa è terminata (17 secondi dopo, troppo).

La navigazione è semplice in entrambi i siti, ma entrando nel dettaglio dei contenuti, le pagine di Berlucchi sono molto più semplici da navigare, inoltre non essendo in tecnologia Flash, il loro contenuto è facilmente stampabile e si aggiunge con facilità ai Preferiti.
Non si può dire la stessa cosa del sito Ferrari.

Le schede vini anche in questo caso vedono una migliore collocazione sul sito Berlucchi, dove per ogni vino si propongono gli abbinamenti, oltre alle informazioni di dettaglio (caratteristiche del vino, zona di produzione, dati analitici). Sul sito di Ferrari le informazioni su ogni vino sono ridotte al lumicino.

Sull’azienda entrambe non danno molto spazio a chi si occupa di cosa. Ferrari indica in modo facile e grazie ad una cartina come arrivare in sede e che le visite “con brindisi” sono possibili con prenotazione gradita, mentre sul sito di Berlucchi è indicato solo l’indirizzo (quindi niente visite in cantina?…)

Passiamo all’aggiornamento: su Ferrari l’ultimo comunicato non si può dire recente: 4/12/2006, mentre la sezione Eventi è desolatamente vuota.
Su Berlucchi la sezione “Novità da Borgonato” presenta l’ultima news del 21/11/2006, non proprio “freschissima” (sempre meglio del sito Zonin)
Ovviamente nessuna traccia di corporate blog o community, ma neanche di una newsletter.

In conclusione due siti istituzionali-brochure, quello di Berlucchi forse leggermente migliore, ma da due grandi e blasonate aziende come queste, ci si aspetterebbe molto di più.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.