Ecommerce,  Recensioni siti web

Acquistare vino online: il caso e-bay

Esistono diversi modi di acquistare vino.
Se ci limitiamo ad internet potremmo individuare le seguenti categorie:

–  direttamente dal produttore (via email o tramite e-shop)
–  enoteca online
–  “marketplace”
–  social network (forum, newsgroup, ecc.)
–  tramite aste online

ebayNell’ultimo caso, parliamo principalmente di e-bay sezione vini .

Non troppo tempo fa era uscita una statistica sulla vendita di vini su ebay che parlava di circa una bottiglia venduta ogni 3 minuti.

Se oggi visitiamo la sezione possiamo trovare di tutto, dall’assortimento completo di Romanée Conti a 12.000 Euro fino alle 6 bottiglie di Prosecco con base d’asta a 5 euro.

Su ebay l’asta è solo uno dei modi per vendere o acquistare vino. Moltissimi prodotti vengono venduti con la formula “Compra Subito” che permette di tagliare i tempi dell’asta ed acquistare direttamente a un prezzo specificato.

Non solo i privati sono presenti come compratori o venditori, ma molto spesso si tratta di enoteche vere e proprie o agenti che sfruttano il gran numero di visitatori di ebay per poter vendere i propri prodotti.

D’altronde le commissioni che chiede ebay per la vendita possono considerarsi non troppo elevate, quindi la barriera d’ingresso è molto bassa.

Questo ovviamente può andare a scapito della serietà dei venditori, ma i sistemi di feedback di ebay, sono sostanzialmente riconosciuti come validi strumenti per capire l’affidabilità di un compratore e soprattutto di un venditore.

Certo nel caso del vini e di altri prodotti deperibili, non vedere il prodotto prima dell’acquisto, espone a dei rischi.
Ed è per questo che abbiamo intervistato Alessio, trentenne sviluppatore informatico con la passione per il vino e che compra regolarmente su ebay.

Perche’ internet per acquistare vino e non l’enoteca o il supermercato?
Ci tengo a precisare che l’acquisto di vino su internet non preclude l’acquisto in enoteca o al supermercato, ma il grosso vantaggio di internet è oltre al prezzo, la possibilità di poter confrontare in modo molto rapido i prezzi e cogliere le giuste occasioni. Questo al supermercato o in enoteca non è possibile…
Sai magari ti sembra che il prezzo sia buono, ma poi invece se cerchi ti accorgi che non è così conveniente…
Naturalmente enoteca e supermercati ti permettono di avere anche dei consigli, ma se un acquirente sa cosa sta comprando il vantaggio è indubbio.

Perche’ e-bay?
Perchè rispetto ad altri siti di vendita online permette una vasta scelta e quasi tutte le enoteche che hanno un sito online vendono anche su ebay… e poi non sono a conoscenza di altri siti di aste con queste caratteristiche…

I pregi e difetti di ebay
Lato economico il risparmio c’è, soprattutto per acquisti di vini dal costo medio – alto (dai 20-25 euro in su…). Su quelli più economici il risparmio è notevolmente inferiore. Inoltre la “calma” e la possibilità di fare valutazioni e confronti sfruttando internet ti permette di verificare se il prezzo è veramente conveniente oppure no.
Lato personale il difetto maggiore è che manca la relazione che puoi avere in enoteca con l’enotecario, i suoi consigli o la possibilità di assaggiare qualcosa a cui non stavi pensando. Ma è anche vero che non hai la pressione che un’enoteca ti può fare( quando ti stanno “con  il fiato sul collo”)…
Lato assortimento, se è vero che i grandi nomi abbondano, difficilmente si trovano vini delle regioni più piccole o vini meno famosi. Insomma tanti vini ma di pochi produttori. Soprattuto rispetto all’enoteca dove hai una scelta molto più ampia e puoi trovare anche le “chicche” di piccoli produttori.

A quante aste hai partecipato e quante te ne sei aggiudicate?
Non saprei, ma siamo nell’ordine delle centinaia…. aggiudicate diciamo una sessantina…

Importo medio dell’asta?
Tra i 50 ed i 100 euro per 6 bottiglie.

L’asta che ti sei aggiudicata che reputi la migliore e quella che ti e’ sfuggita per un pelo?
Conteisa 2004 di Gaja la migliore per nome e prezzo strappato. Quelle sfuggite tante… ma complessivamente è più la soddisfazione per quelle aggiudicate, che la delusione per quelle perse di un soffio…
La cosa bella è che c’è sempre l’opportunità di rifarsi immediatamente con altre aste :-))

Quali consigli daresti ad un novizio?
Non strafare e non farsi prendere la mano dal “sistema” asta. Bisogna stabilire un prezzo e puntare su quello… Magari partendo da vini non “esclusivi”, ma da buoni vini a buoni prezzi… ed in ogni caso bisogna avere la conoscenza di quello che si sta acquistando, confrontare ed essere abbastanza certo della reputazione del venditore e della conservazione della bottiglia (ben vengano le foto ad alte risoluzioni, mentre diffido di offerte senza foto o con foto prese dal sito dell’azienda).

Se l’asta fosse organizzata direttamente da una cantina, parteciperesti piu’ volentieri? E cosa penseresti di quella cantina?
Che sia organizzata da un produttore o da un’enoteca non fa differenza.. l’importante è il vino.
In ogni caso ci sono già parecchi produttori che vendono e organizzano direttamente aste. Alcune di queste me le sono aggiudicate e con uno di questi addirittura siamo diventati amici e spesso vado a trovarlo nella sua cantina!

3 commenti

  • Tomaso

    Bell’argomento,
    io avevo provato a vendere su e-bay, la prima volta è andato invenduto e la seconda hanno acquistato ad un prezzo stracciato (che avevo impostato per vedere l’appeal della cosa e poi ho regolarmente onorato).

    Non so, la sensazione che avevo avuto io è: se sei qualcuno ha senso, ma se sei piccolo e di nicchia e-bay non va bene….

    Tomaso

  • Max

    @ Tomaso
    Di sicuro l’appeal maggiore l’hanno le case più conosciute. Per un piccolo produttore difficile farsi conoscere o vendere in questo modo, meglio altre modalità.
    Oppure sfruttare e-bay come piattaforma, comunicando ai propri contatti che il giorno tot alle ore tot saranno messe all’asta x bottiglie.
    ciao,
    max

  • Guido

    Ciao. Ritengo che la vendita di vini on line non possa essere fatta se non da chi ha maturato molti anni di esperienza sul campo. Non condivido la nascita di store on line con in listino articoli anche molto differenti tra loro, ed in particolare se tra questi c’è un prodotto molto unico come il vino.
    Credo che sia imputabile a questo il mancato decollo della vendita di vini su molti siti. Inoltre non va dimenticato l’aspetto del prezzo, non secondario quando ad acquistare un prodotto non è un consumatore occasionale ma un intenditore che ben conosce il valore di una bottiglia.
    Ciao

    Guido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.