Comunicazione online

Il territorio come comunicatore (parte 2): il Ciso, iDolomitici ed il Trentino

Qualche volta basta un piccolo evento per dare il giusto significato ad un momento. E così, mentre degustiamo la prima annata di Ciso (vedi anche post precedente)  un falco o una poiana decide di volteggiare proprio su quel vigneto che da più di cent’anni è sempre lì, quasi a salutarne la nuova rinascita.

Il territorio di un vino è anche questo.
Non è solo il vigneto, ma soprattutto l’ambiente che lo circonda e le persone che lo curano.
Ma questo non vale solo per il Ciso e per I Dolomitici, ma anche per gli altri produttori trentini che abbiamo incontrato in questa due giorni, dall’innovatore e mai fermo Mario Pojer di Pojer e Sandri, alla gentilezza e passione dei fratelli Cesconi, in particolare di Lorenzo Cesconi, un trentino di nuova generazione, con la voglia di dimostrare che quello che può offrire questa terra è solo una piccola parte di quello che si conosce.

Le emozioni provate in questi giorni non sono solo facili parole su un blog, ma qualcosa che rimane e che mi mette voglia di scoprire molto di più di questa terra e soprattutto del vino e delle persone che ne sono un’ambasciatore unico.

Di questa due giorni trentina vi lascio i link a chi è più bravo di me raccontarlo:Giovanni di TerraUomoCielo (che è stato anche il mio compagno di viaggio), Fiorenzo di Intravino, Mauro di Winestories, e tanti altri presenti, mentre le foto che seguono sono molte, moltissime, ma rappresentano solo una piccola parte delle emozioni provate.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.