La guida alle migliori enoteche di Milano

L’importanza del calice giusto per il vino giusto

L’importanza del calice giusto per il vino giusto

Sicuramente avremo sentito della “guerra dei calici” sullo Champagne. Negli anni della Bella Epoque, era solito simboleggiarlo nelle coppe, poi è stata la volta della flute ed infine si è arrivato ad un calice più ampio, più adatto a veicolare i profumi del vino e non solo la parte visuale delle bollicine che risalgono il calice.

Questo per dire che l’evoluzione dei calici del vino è andata di pari passo con l’evoluzione del gusto, ma anche della conoscenza e dello studio dei fattori che influenzano la degustazione di un vino partendo dal calice.

E di questo bisogna ringraziare anche i produttori di calici che hanno dedicato tempo e tantissime sperimentazioni per trovare i calici giusti. Non solo alla ricerca dell’estetica, ma anche come “strumento” principale per la degustazione del vino.

E tra questi, un marchio dei più conosciuti: Riedel, che ci ha permesso in un pomeriggio milanese di toccare con mano la differenza tra calice e calice.

Da ex enotecario so che non è facile gestire in un sabato sera un centinaio di ordinazioni con circa 30 vini diversi e quindi gioco forza molte volte si cerca il mono-calice che dia il risultato migliore su una molteplicità di vini.

Ma se si ha lo spazio e la possibilità, il suggerimento è avere diversi calici per diversi vini.

Le prove fatte con i nuovi calici della linea Performance di Riedel (e coordinate da un bravissimo Stefano Canello) dimostrano facilmente come lo stesso vino possa essere percepito in modo diverso a seconda del calice. Meglio sarebbe dire che ogni calice enfatizza una caratteristica del vino (freschezza, tannino, corposità, ecc.) ed il calice migliore è quello che riesce ad esaltare tutte le componenti caratteristiche di quel vino.

Ed è quello che ha cercato di fare Riedel individuando alcune delle varietà più comune e creando il calice più adatto (e facendolo testare direttamente ai produttori di quei vini) con la linea Performance.

Così nascono i calici Pinot Noir, Cabernet/Merlot, Syrah, Chardonnay, Riesling, Champagne Wine.

Provate anche voi a casa, a scoprire tra i vostri calici qual è quello che da il meglio con il vino della serata.

 

Dai il tuo voto a questa enoteca

Inserisci il tuo voto