Avvinare,  Corso Vino Online

I vini per il matrimonio

Il giorno più importante per una coppia è sicuramente il giorno del proprio matrimonio. Ed il vino?

Ormai esistono agenzie e professionisti dedicati solo al giorno delle nozze. Le cose da organizzare sono moltissime: inviti, bomboniere, luogo della cerimonia e del successivo rinfresco/pranzo/cena.

Una delle scelte più delicate, soprattutto per le coppie che amano mangiare e bere bene, è la scelta del menu.

Il matrimonio tradizionale prevedeva quasi sempre una lunga giornata con le gambe sotto al tavolo, con doppio antipasto, doppio primo e doppi secondi.

Oggi si va su formule più “leggere”, in cui l’aperitivo viene arricchito e fatto solitamente a buffet. Questo permette di godersi di più il posto del ricevimento, rendere il tutto meno informale e facilitare le chiacchiere tra gli invitati.

Ed il vino?

Se molta attenzione si fa a cosa si mangerà, molte volte ci si affida totalmente alle scelte del catering e del ristorante per la scelta dei vini. E spesso ci si ritrova ad aver mangiato benissimo ed aver bevuto non certo allo stesso livello. Vero che il vino di qualità ha un costo maggiore, ma perché non rendere perfetto il giorno più bello anche con una scelta di vini adeguata?

I vini del buffet: Prosecco, Metodo classico, vini fermi

Se il buffet è ricco e prevede oltre a finger food, assaggi di carne e pesce è il momento migliore per proporre 3 tipi di vini: un metodo classico come un Franciacorta (oppure un buon Prosecco), un bianco fermo fruttato, come un Vermentino, un rosso fresco e non troppo corposo come una Schiava del Trentino oppure un Sangiovese giovane, non troppo acido.

vini a tavola

Se vogliamo limitare le spese possiamo proseguire con gli stessi vini del buffet, ma l’ideale sarebbe cambiare vini e scegliere un abbinamento ideale con le portate servite, magari scegliendo un bianco ed un rosso più strutturato o se a base di pesce, proseguire anche con il metodo classico, magari in versione rosè.

I vini della torta: spumante dolce

Al taglio della torta, d’obbligo i vini dolci, ma che siano di qualità!
Perché non proporre anche un metodo classico demi-sec (il nome fa pensare che sia secco, ma in realtà è dolce)? Infine per il post pranzo oltre agli immancabili amari prevediamo anche un bel passito, magari del territorio.

Bomboniera? Vino anche qui

Spesso è difficile scegliere una bomboniera. Fare qualcosa di carino e di utile non sempre è facile, ma anche qui il vino può esservi d’aiuto. Scegliere un vino che vi ricorda una vacanza fatta insieme oppure il primo bevuto insieme, può essere un’ottima soluzione. Aggiungete un fiocco o magari un’etichetta con i vostri nomi ed il gioco è fatto.

Ah…. Dimenticavamo. Auguri!!!

Continua a leggere il nostro corso vino essenziale >

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.