Avvinare,  Eventi

Vinitaly 2013, finalmente una fiera in netto miglioramento

Irpinia - Vinitaly 2013Temperatura tra 7 e 15 gradi, telefoni funzionanti (almeno per gli operatori più diffusi), qualche pioggerella ogni tanto, connettività internet presente. Polizia all’interno della fiera molto più presente degli anni scorsi.
Traffico automobilistico nella norma e sembra con un deciso incremento dei viaggiatori in treno.

Dopo il mezzo-disastro dello scorso anno, un netto miglioramento.
Se poi aggiungiamo la nuova dislocazione del Vivit (meno “calda”) dell’anno scorso e che ha avuto il vantaggio di portare molti al padiglione 11, possiamo affermare con una certa sicurezza che c’è stato un deciso miglioramento.
Da qui a dire che il Vinitaly è una fiera modello ce ne passa, ma almeno si è fatto lo sforzo di cercare di risolvere i maggiori problemi delle edizioni degli ultimi anni.

Per me, è stato un Vinitaly diverso dagli altri. Il primo da compratore, o meglio da neo-compratore. E devo dire che tutto cambia. Hai un mente una lista di vini da provare, produttori conosciuti o consigliati, ma anche qualche  tentativo quasi a caso per trovare magari quel vino che ti sorprende e che ha anche un ottimo rapporto qualità-prezzo.
In pratica i due giorni che sono stato a Verona, sono volati più del solito.

Ma veniamo al vino. Il Vivit, come accennato, si conferma uno dei padiglioni più interessanti, non solo per chi è particolarmente interessato ai vini naturali, ma anche per chi magari aveva a disposizione una sola giornata ed ha potuto trovare qui esempi delle migliori produzioni italiane, ma anche estere (Francesi, Sloveni, Austriaci, eccetera).

Tanti i vini assaggiati, molti per motivi professionali, altri per ampliare la conoscenza di certe aree, altri unicamente per piacere.

Tra quelli che mi hanno colpito particolarmente, in rigoroso ordine sparso:

  • Bonotto delle Tezze Raboso Ribelle 2012
  • Nardello Soave Vigna Terbian 2012
  • Marion Teroldego 2009 e Valpolicella Sup. 2009
  • Tantini Bardolino Chiaretto 2012
  • Picariello Brut Contadino (da uve Fiano 100%) e Irpinia 2012
  • Milavuolo Fiano d’Avellino 2010
  • Tenuta Il Bosco Cruasé Oltrenero (sboccatura primavera 2012)
  • Frescobaldi Chianti Rufina Montesodi 2010
  • David Duband Gevrey-Chambertin 2010 e Erchaux Grand Cru 2010
  • Cantine Barbera Inzoglia 2012 e La Bambina (nero d’avola rosato) 2012
  • Cesconi Blauwal (sboccatura ottobre 2012) e Pletter (lagrein) 2009
  • Villa Diamante Fiano d’Avellino Vigna della Congregazione 2009
  • Nino Barraco Grillo 2012 e Vignamare
  • Vodopivec Vitovska 2009
  • Dettori Bianco (2011?)
  • Nikolaihof Klausberg Riesling Privatreserve 2008

Alcune foto:

Vedremo se il Vinitaly ci sorprenderà ancora in meglio l’anno prossimo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.