• Comunicazione online,  Recensioni siti web

    Unico sito per unico vino: il caso Masseto

    Premessa: Ho partecipato direttamente alla progettazione del sito, quindi la recensione del sito in questione non potrà essere troppo imparziale. Non è rarissimo trovare mini-siti dedicati ad un singolo vino, ma in questo caso, visto l’eccezionalità del vino, parlare di mini-sito è riduttivo. Masseto.net è un vero e proprio sito. Ricco di informazioni, immagini, notizie. Fortunatamente evita gli “effetti speciali”, ma non rinuncia all’emotività con l’utilizzo di foto grandi, testi utilizzati con grandezze diverse, ed un’attenzione smodata al contenuto (vedi la pagina dedicata al vigneto Masseto) con l’indicazione dell’andamento dell’annata, i premi vinti, le valutazioni d’asta. Pur essendo un vino di alto livello, non rinuncia a confrontarsi con i suoi…

  • Avvinare,  Eventi

    Merano Wine Festival 2009: Fotogallery e Vini

    Ecco qualche foto della 3 giorni di Merano Mentre a livello di vini segnalo quelli che più mi hanno colpito (in esclusivo ordine cronologico di assaggio): – Mosnel Pas Dosé – Mastrojanni Brunello 2004 – Ornellaia 2006 – Poggio di Sotto Brunello 2004 – Poggio di Sotto Rosso di Montalcino 2006 – Mastroberardino Taurasi 2005 – Montevertine Pergole Torte 2006 – Voerzio Barolo La Serra 1999 – Le Macchiole Messorio 2006 – Bruno Giacosa Barolo 2005 – Ferragù Ornello Amarone 2005 – Pitois Champagne Reserve – Chateau Angelus 2003 – Bruno Giacosa Barbaresco 2007 – Sottimano Barbaresco Currà 2006 – Sottimano Barbaresco Pajore 2006 – San Leonardo 2004 – Vajra Dolcetto Coste…

  • Vini degustati

    Variazioni in rosso. La degustazione.

    Finalmente è arrivato. Ben impachettato e in 3 giorni lavorativi, non male. Ognuna delle 3 bottiglie ha il suo astuccio cartonato e in omaggio è arrivato anche un drop-stop personalizzato contenuto all’interno di un mini-pieghevole che spiega la filosofia del vino e della sua produzione. Stappiamo. Colore decisamente scuro, con un unghia che denota la giovinezza del vino. Al naso non è intensissimo ma con una certa complessità di profumi. I varietali delle uve si fanno sentire, ma sono integrati tra di loro e difficilmente uno prevale sugli altri. In bocca l’alcolicità del vino si fa sentire (in etichetta è dichiarato 14,5°), così come i tannini, che rimangano comunque setosi…

  • Comunicazione online,  Ecommerce

    Variazioni in rosso by Ornellaia

    Da questa mattina è possibile acquistare il nuovo vino di Tenuta dell’Ornellaia. L’ordine minimo è di 3 bottiglie+10 euro di spedizione, si parte quindi da 115 Euro. Difficile dire se li vale, visto che è un’anteprima. Diciamo che in questo caso si va sulla fiducia se si conoscono già i vini dell’Ornellaia o si crede nel “brand”. Per acquistare è necessario effettuare una registrazione, semplice e chiara, ma con la necessità di reinserire l’indirizzo di spedizione (inserire l’opzione “copia dati di fatturazione” agevolerebbe). Il pagamento è tramite la piattaforma PayPal, quindi sia per gli utenti che hanno un account, sia per quello che non l’hanno che possono usufruire del pagamento diretto con carta…

  • Comunicazione online,  Ecommerce

    Ornellaia vende online.

    Sperate di poter acquistare direttamente dal produttore il mitico taglio bordolese? Per ora dovrete aspettare, ma dal 1 Ottobre 2009 sarà possibile acquistare online un nuovo vino di Tenuta dell’Ornellaia. Si tratta di “Variazioni in rosso“, disponibile in vendita con l’annata 2007.  Per l’iniziativa è stato dedicato un sito ed una url specifica. Accedendo al sito non si viene certo subissati di informazioni, ma oltre ad iscriversi alla newsletter, se si ha un pò di pazienza, è possibile vedere il video con cui Leonardo Raspini (Direttore Generale) e Alex Heinz (enologo) descrivono la filosofia cha ha portato alla nascita del vino. Così scopriamo che Variazioni in rosso 2007 sarà principalmente costituito da…

  • Comunicazione online,  Recensioni siti web

    Classifiche web

    Anche quest’anno è uscita l’annuale classifica dei migliori siti web vinicoli secondo winenews.it. Già l’anno scorso avevamo segnalato alcuni dubbi sul merito delle scelte, ma ne approfittiamo per vedere qualche new entry. Sicuramente interessante il sito di Alessandro di Camporeale, azienda siciliana, che punta su un sito graficamente “stile blog”, facilmente navigabile, con tanti contenuti (vedi l’area “il vigneto“) e fotografie. Un tantino esagerata l’iconografia, ma già il fatto di non avere una start page e di usare in modo intelligente la tecnologia web (poco o assenza totale di Flash, validazione W3C, eccetera) ne fanno sicuramente un buon esempio. Di tutt’altro tipo un’altra cantina in classifica, che non ha bisogno…